domenica 2 gennaio 2011

James Nachtwey

James Nachtwey, nato nel 1948 a Syracuse (New York), è cresciuto in Massachusetts e si è laureato al Dartmouth College, dove ha studiato Storia dell’arte e Scienze politiche (1966-1970). Le immagini della guerra del Vietnam e del Movimento americano per i diritti civili ebbero su di lui un potente effetto e furono decisive per la scelta di diventare fotografo. Ha lavorato a bordo di navi della Marina mercantile e, mentre imparava la fotografia da autodidatta, anche come apprendista montatore di notiziari televisivi e camionista. Nel 1976 cominciò la sua attività di fotoreporter nel New Mexico e nel 1980 si trasferì a New York per lavorare come freelance per le riviste. Per la prima missione all’estero fu incaricato di documentare le tensioni civili in Irlanda del Nord nel 1981, durante lo sciopero della fame dell’ira. Da allora, Nachtwey ha sempre raccontato con il suo obiettivo guerre, conflitti e gravi problemi sociali. Ha lavorato a saggi fotografici in Salvador, Nicaragua, Guatemala, Libano, Cisgiordania e Gaza, Israele, Indonesia, Thailandia, India, Sri Lanka, Afghanistan, Filippine, Corea del Sud, Somalia, Sudan, Ruanda, Sudafrica, Russia, Bosnia, Cecenia, Kosovo, Romania, Brasile e Stati Uniti. Dal 1984 collabora a contratto con la rivista “Time”. È stato socio di Black Star dal 1980 al 1985 e di Magnum Photos dal 1986 al 2001. Nel 2001 è stato uno dei soci fondatori dell’agenzia fotografica vii.
Molte importanti istituzioni gli hanno dedicato mostre personali, tra cui l’International Center of Photography di New York, la Bibliothèque nationale de France a Parigi, il Palazzo delle Esposizioni di Roma, il Museum of Photographic Arts di San Diego, il Culturgest di Lisbona, il Circulo de Bellas Artes di Madrid, la Fahey/Klein Gallery a Los Angeles, il Massachusetts College of Art and Design di Boston, la Canon Gallery e la Nieuwe Kerk ad Amsterdam, il Carolinum di Praga e l’Hasselblad Center a Göteborg.
Ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui il Common Wealth Award, il Martin Luther King Award, il Dr. Jean Mayer Global Citizenship Award, l’Henry Luce Award, la Robert Capa Gold Medal (cinque volte), il World Press Photo Award (due volte), il Magazine Photographer of the Year (sette volte), l’International Center of Photography Infinity Award (tre volte), il Leica Award (due volte), il Bayeux-Calvados Award for War Correspondents (due volte), l’Alfred Eisenstaedt Award, il Canon Photo Essayist Award e il W. Eugene Smith Memorial Grant per la Fotografia umanistica. Si è inoltre aggiudicato il ted Prize, l’Heinz Foundation Award for Art and Humanities e il Dan David Prize. War Photographer, documentario sul suo lavoro, è stato candidato all’Oscar nel 2002. Nachtwey è membro della Royal Photographic Society e ha ricevuto la laurea honoris causa in Belle arti dal Massachusetts College of Art and Design.

FILM - WAR PHOTOGRAPER:














Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...